La forza della natura – The power of nature

La forza della natura – 2013 – 50 x 70 ca. cm

La forza della natura è un disegno impetuoso nella sua composizione. Sia nelle forme che nei colori sono rappresentati i quattro elementi e caratteri come foglie, acqua e spine, a rappresentare la forza della natura, che spesso ignoriamo e siamo istintivamente portati a sottovalutare. Dalla natura siamo nati noi, e dalla non perfetta comprensione della stessa sono nate le religioni. La natura è il potere che governa ognuno di noi, il nostro pianeta e l’intero universo. Non dimentichiamolo.

A drawing with a dashing composition. Forms and colours represents the four elements and features like leafs, water and thorns represents natural powers that we often ignore and instinctively underestimate. We were birth from nature, and by its imperfect understanding religions had their birth. Nature is the power that rule everyone of us, our planet and the whole universe. Don’t forget about it.

La forza della natura

I disegni di Andrea Rollo sono realizzati nella sua CasaStudio nelle vicinanze di Lecce. Grande attenzione viene posta nella fattura degli stessi, impiegando quantitativi di tempo stimabili anche in molti minuti per cm2. I colori utilizzati sono attualmente della marca Stabilo, mentre la penna o il pennarello utilizzati per la realizzazione del disegno in bianco e nero o della base per la successiva colorazione sono spesso diversi di volta in volta, per vari motivi. Ad esempio perché le penne tendono magicamente a perdersi nel disordine generale della casa, oppure perché la penna può trovarsi a cadere dalla parte della punta e non essere più in grado di scrivere. D’altra parte è anche vero che le penne, come tutte le cose in questo universo, esauriscono il loro combustibile, e muoiono. La carta utilizzata viene venduta nell’emporio del paese e non si conosce quale sia l’industria che la produca né, di preciso, quali siano le caratteristiche tecniche di grammatura e trattamento. Questa carta va bene perché assorbe il colore, anche se non troppo, e sembra reggere l’impatto della luce solare, una volta esposta, senza scolorire le superfici colorate. Essendo un autodidatta, non sono in grado di fare le mie scelte su una base tecnica appresa in precedenza, quindi vado a caso. Il processo che mi ha portato a scegliere questa carta come la migliore per il mio lavoro è costato il sacrificio di numerosi disegni, e di un gravoso quantitativo di ore che, magari, avrei potuto impiegare in un modo diverso, ma meno artistico e ispirato.